Skip to main content

Culture and Creativity

Complessi residenziali del Werkbund in Europa (Austria, Repubblica ceca, Germania e Polonia)

Weissenhof, il primo complesso residenziale del Werkbund costruito a Stoccarda nel 1927

Gli edifici del Deutscher Werkbund (o "Lega tedesca degli artigiani") in Europa, costruiti tra il 1927 e il 1932, costituiscono un sito transnazionale che comprende 4 paesi (Germania, Polonia, Repubblica ceca e Austria) e 5 città (Stoccarda, Breslavia, Brno, Praga e Vienna). Dopo la prima guerra mondiale tutta l'Europa era alle prese con il problema urgente di una diffusa mancanza di alloggi adeguati. Nell'ambito della corrente della "Nuova oggettività" architetti d'avanguardia provenienti da diverse zone d'Europa cercarono di trovare soluzioni a prezzi accessibili che rispondessero alle esigenze sociali con edifici ben progettati e di alta qualità.

Il Weissenhof, il primo complesso residenziale del Werkbund, fu costruito a Stoccarda nel 1927, ispirando altri ad applicare principi modernisti a progetti simili. Seguirono quindi gli altri complessi, realizzati tra il 1928 e il 1932. Tutti incontrarono difficoltà nel trasmettere le proprie idee progressiste ad un pubblico più ampio. Sotto il regime nazista gli edifici furono disprezzati per il loro modernismo. Dopo la seconda guerra mondiale i complessi residenziali del Werkbund, alcuni dei quali finirono dietro la cortina di ferro, ebbero storie diverse. Nel 2013 è stata costituita una rete dei complessi residenziali per promuovere scambi di buone pratiche e consulenze in merito alla loro conservazione. Il complesso residenziale del Werkbund di Zurigo (Svizzera) fa parte della rete del 2013.

I complessi residenziali del Werkbund in Europa (1927-1932) nacquero come esperimento architettonico, ma ebbero una profonda influenza sull'architettura modernista del XX secolo, permettendo agli architetti di diversi paesi europei di mettere in pratica le loro teorie moderniste. I complessi sono una manifestazione delle origini europee di questo movimento con sviluppi sostanziali in cinque paesi.

Ricoprono un posto importante nella storia dell'architettura in Europa, tuttavia la loro evoluzione nel tempo riflette anche i diversi sviluppi politici e sociali tra Est e Ovest. Le loro aspirazioni sociali, emancipatrici, estetiche e tecniche e gli insegnamenti tratti rimangono una fonte d'ispirazione ancora oggi, in un contesto in cui diversi paesi europei hanno difficoltà a fornire alla popolazione alloggi sociali adeguati.