Skip to main content

Culture and Creativity

I poli europei dell'innovazione digitale (EDIH) aiutano le imprese a sfruttare le opportunità offerte dal digitale per migliorare i loro processi e prodotti e rafforzare così la loro competitività. Per aumentare l'impatto dei finanziamenti pubblici, i finanziamenti dell'UE saranno messi a disposizione dei poli che sono (o saranno) già sostenuti dai rispettivi Stati membri (o regioni).

S+T+ARTS è una piattaforma che intende collegare più strettamente tecnologia e pratica artistica per affrontare le sfide sociali, ambientali ed economiche che l'Europa ha di fronte. Sostiene lo sviluppo di tecnologie più creative, inclusive e sostenibili attraverso la collaborazione tra artisti, scienziati, ingegneri e ricercatori. Il programma è incentrato sull'idea che l'arte, la scienza e la tecnologia possano trarre vantaggio dalla condivisione delle prospettive e dall'apertura di nuovi percorsi per la ricerca e le imprese.

Tramite i suoi diversi pilastri S+T+ARTS offre:

Il progetto di partenariato WORTH aiuta le PMI del settore creativo a collaborare a livello transnazionale al fine di sviluppare prodotti innovativi orientati al design stimolando lo scambio e il partenariato tra creatori, designer, fabbricanti, artigiani e imprese tecnologiche. Si basa su principi fondamentali che includono la qualità dell'esperienza, compresi lo stile e l'estetica, ambienti di vita sani e sicuri, la sostenibilità e la circolarità, nonché l'inclusione, l'accessibilità e l'accessibilità economica.

i-Portunus è stato creato per ampliare le opportunità di mobilità e promuovere le collaborazioni internazionali che consentono agli artisti e ai professionisti della cultura di lavorare, esibirsi e partecipare a coproduzioni in tutti i paesi, dando loro accesso a mercati diversi, aiutandoli ad attrarre nuovi pubblici o ammiratori, rafforzando le collaborazioni internazionali e aprendo nuove prospettive di carriera.

L'iniziativa "Nuovo Bauhaus europeo" mira a sviluppare un movimento creativo e interdisciplinare che colleghi il Green Deal europeo alla vita quotidiana dei cittadini dell'UE. L'iniziativa, in fase di co-progettazione attraverso il coinvolgimento diretto di cittadini, esperti, imprese e istituzioni, punta a:

L'ambito d'intervento "Investimenti sociali e competenze" facilita: lo sviluppo di abilità e competenze fondamentali; l'abbinamento, la diffusione e un maggiore utilizzo delle competenze attraverso l'istruzione, la formazione, compresa la formazione sul lavoro, e le attività connesse.

I progetti promuovono attività di mobilità per:

  • i discenti: alunni, studenti, tirocinanti, apprendisti, giovani, discenti adulti;
  • il personale: professori, insegnanti, formatori, animatori giovanili e persone che lavorano in organizzazioni attive nei settori dell'istruzione, della formazione e della gioventù.

I progetti mirano principalmente a sostenere i discenti nell'acquisizione di conoscenze, abilità e attitudini, comprese le competenze linguistiche.

Un progetto di solidarietà è un'attività di solidarietà senza scopo di lucro intrapresa, elaborata e attuata da giovani per un periodo da 2 a 12 mesi.

Coinvolge un gruppo di almeno cinque giovani e si concentra su un tema, chiaramente definito, che sarà esplorato da tutti i membri del gruppo attraverso attività quotidiane.

Questa opportunità di finanziamento sostiene progetti nei settori culturali e creativi, rivolgendosi ad un'ampia gamma di attività e iniziative e di candidati. Il sostegno è destinato a progetti che comportino una collaborazione culturale a livello transnazionale e che contribuiscano a rafforzare la creazione e la circolazione transnazionale delle opere d'arte e degli artisti europei. Particolare importanza rivestono i progetti finalizzati a stimolare i talenti, innovare, prosperare e generare occupazione e crescita nei settori culturali e creativi europei.

La (rap)presentazione e la visibilità mediatiche di gruppi vulnerabili come i migranti e i rifugiati restano marginali nei principali social media in tutta Europa e con particolare attenzione alla situazione dell'Ucraina. L'obiettivo rimane quello di individuare modi per promuovere l'inclusività dei social media in Europa e aiutare questi gruppi a creare le proprie narrazioni in merito al posto e al ruolo che rifugiati e migranti occupano nelle comunità e nelle società europee.

 
L'obiettivo dell'azione "Strumenti innovativi e modelli commerciali" è rafforzare la competitività, la scalabilità e la sostenibilità degli attori europei, nonché migliorare la visibilità e la disponibilità delle opere europee e ampliare il pubblico nell'ambiente digitale.

Un progetto di solidarietà è un'attività di solidarietà senza scopo di lucro avviata, sviluppata e attuata dai giovani stessi per un periodo compreso tra 2 e 12 mesi. Coinvolge un gruppo di almeno cinque giovani che si concentrano su un tema chiaramente identificato, esaminandolo attraverso attività quotidiane che interessino tutti i membri del gruppo. I progetti di solidarietà affrontano le principali sfide all'interno delle comunità locali, incluse, eventualmente, quelle individuate congiuntamente nelle regioni frontaliere.

Scopo del programma "ACP-UE verso un'industria culturale sostenibile" è rafforzare le potenzialità del settore culturale e creativo e il suo contributo allo sviluppo socioeconomico dei paesi dell'Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP). Il programma ambisce a promuovere l'imprenditorialità e l'innovazione culturale, creare nuovi posti di lavoro e aumentare le entrate degli artisti e dei professionisti della cultura.

Le comunità della conoscenza e dell'innovazione dell'EIT sono partenariati che riuniscono imprese, centri di ricerca e università. Mirano a rafforzarne la cooperazione e a creare ambienti favorevoli allo sviluppo dei processi di pensiero creativo e dell'innovazione. Le comunità contribuiscono allo sviluppo di prodotti e servizi innovativi, all'avvio di nuove imprese e alla formazione di una nuova generazione di imprenditori. La comunità della cultura e della creatività dell'EIT fornirà soluzioni innovative per aiutare i settori e le industrie a diventare più forti e resilienti.

Il polo tematico 2 "Cultura, creatività e società inclusiva" mira a conseguire i seguenti obiettivi e priorità dell'UE:
• rafforzare la governance democratica e la partecipazione dei cittadini
• proteggere e promuovere il patrimonio culturale
• rispondere ai cambiamenti sociali, economici, tecnologici e culturali e plasmarli.

Le proposte possono avviare ricerche innovative in materia di:
• democrazia e governance
• patrimonio culturale europeo e industrie culturali e creative
• cambiamenti sociali ed economici.

La sezione intende sviluppare le capacità delle organizzazioni indipendenti della società civile impegnate nella promozione dei valori e dei diritti dell'Unione, le cui attività contribuiscono all'applicazione strategica dei diritti sanciti dal diritto dell'UE e dalla Carta dei diritti fondamentali dell'UE.

La sezione elabora inoltre attività di sensibilizzazione e sorveglianza e mira a promuovere, tutelare e sensibilizzare ai valori dell'Unione a livello locale, regionale, nazionale e transnazionale.

FARNET è una comunità di persone impegnate nell'attuazione dello sviluppo locale di tipo partecipativo (SLTP) nell'ambito del Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (FEAMP). Questa comunità riunisce gruppi di azione locale per la pesca (FLAG), autorità di gestione, cittadini ed esperti di tutta l'UE per lavorare allo sviluppo sostenibile della pesca e delle zone costiere. In passato, i progetti relativi alle arti e all'artigianato, nonché al patrimonio culturale, sono stati spesso sostenuti da questa iniziativa.

Il meccanismo per una transizione giusta intende consentire alle regioni e alle persone di affrontare gli effetti sociali, occupazionali, economici e ambientali della transizione verso gli obiettivi 2030 dell'Unione in materia di energia e clima e verso un’economia europea climaticamente neutra entro il 2050, sulla base dell'accordo di Parigi.

Il fondo è uno strumento fondamentale per aiutare i territori maggiormente interessati dalla transizione verso la neutralità climatica fornendo loro un sostegno su misura.

Il Fondo sociale europeo Plus (FSE+) è il principale strumento di cui l'UE dispone per investire nelle persone.

Con un bilancio complessivo di quasi 99,3 miliardi di euro per il periodo 2021-2027, l'FSE+ continuerà a fornire un contributo importante alle politiche dell'UE in materia di occupazione, affari sociali, istruzione e competenze, comprese le riforme strutturali in questi settori.

L'obiettivo generale è attenuare l'impatto socioeconomico della pandemia di COVID-19 sui giovani, principalmente attraverso lo sviluppo di capacità e misure specifiche a sostegno della ripresa del settore giovanile, nonché promuovendo la solidarietà e l'inclusione.

Questi progetti creano reti che promuovono partenariati regionali, consentendo ai giovani di tutta Europa di avviare progetti comuni, organizzare scambi e promuovere la formazione (ad esempio per gli animatori giovanili) attraverso attività sia in presenza che online.

Le alleanze stimolano la capacità di innovazione dell'Europa attraverso la cooperazione e il flusso di conoscenze tra l'istruzione superiore, l'istruzione e la formazione professionale (sia iniziale che permanente) e, più in generale, coinvolgendo un contesto socioeconomico, compresa la ricerca.

La guida al programma è disponibile qui.

Si tratta di progetti su vasta scala e ad alto impatto. Comportano la partecipazione di giovani di almeno due paesi diversi e interventi a breve termine per affrontare le sfide comuni europee in settori strategici definiti ogni anno a livello dell'UE.

I progetto possono:

I progetti di volontariato offrono ai giovani la possibilità di partecipare ad attività di solidarietà che rispondono alle esigenze delle loro comunità locali.

Il volontariato può svolgersi nel paese di residenza del volontario o in un altro paese (attività transfrontaliera). I progetti possono concentrarsi su un'ampia gamma di settori, quali la tutela dell'ambiente, i cambiamenti climatici e la mitigazione dei loro effetti o una maggiore inclusione sociale.

Il laboratorio incentiverà gli operatori dei settori culturali e creativi a progettare e testare soluzioni digitali innovative in grado di avere un potenziale impatto positivo a lungo termine in molteplici ambiti.

Faciliterà in particolare la creazione di soluzioni innovative (ad esempio, strumenti, modelli e metodologie) che possano applicarsi al settore audiovisivo e ad almeno un altro settore creativo e/o culturale. Le soluzioni dovrebbero essere facilmente replicabili e distinguersi per le potenzialità di penetrazione del mercato.

Subscribe to Sviluppo delle competenze creative e tecniche